Enter your keyword

Piano nazionale Industria 4.0 / i “super” ed “iper” ammortamenti

Fonte: Marino Rolfo – Sportello Mise Campania

Sul fronte degli investimenti il Piano punta a mobilitare, per il solo 2017, investimenti privati aggiuntivi pari a 10 miliardi di euro, a cui si stima possano aggiungersi circa 11,3 miliardi di euro di spesa privata per programmi di ricerca, sviluppo e innovazione.

Nello specifico, i benefici agevolativi di natura fiscale si concretizzano in un super ammortamento al 140%, introdotto dalla Legge di Stabilità  2016 e prorogato per il 2017 sull’acquisto di beni strumentali nuovi, con le seguenti due differenze rispetto all’anno appena trascorso:

  • le auto aziendali ad uso promiscuo non potranno essere più oggetto di super ammortamento poichè la proroga è stata esplicitamente esclusa per veicoli e motocicli di cui all’articolo 164, comma 1, lettere b e b- bis del Tuir;
  • per i beni ad alto contenuto tecnologico o digitale la maggiorazione del costo è pari al 250% (cosiddetto iper ammortamento 250 per cento).

Il “super” e l’ “iper” ammortamento consistono nell’agevolare gli investimenti produttivi delle imprese, grazie ad un’accelerazione del processo di ammortamento fiscale dei cespiti acquistati, che si riflette su minori tasse da pagare.

Super ammortamento 140 per cento (anni 2016/2017)

Con la Legge di Stabilità  2017 il super ammortamento, applicabile inizialmente su tutti i beni strumentali acquistati tra il 15 ottobre 2015 ed il 31 dicembre 2016, è stato esteso a tutto il 2017.

Nell’applicazione operativa, l’ammortamento al 140 per cento consente di ammortizzare il cespite acquistato secondo le aliquote ordinarie, mentre dal punto di vista fiscale viene effettuata una «variazione in diminuzione della base imponibile» su cui poi verranno calcolate le imposte.

ESEMPIO: Se l’azienda acquista in data 2 gennaio 2017 un bene ammortizzabile al costo di 10.000 euro, soggetto ad un coefficiente di ammortamento ordinario pari al 20% (ammortamento costante in 5 anni), la quota di ammortamento civilistica sarebbe pari a 2.000 euro (20% di 10.000). Con il super ammortamento al 140 per cento, nel modello UNICO 2018 (redditi 2017) si potrà effettuare una variazione in diminuzione dalla base imponibile su cui pagare le imposte, pari ad euro 800 (40% di 2.000) con una quota di ammortamento fiscale complessiva pari ad euro 2.800 (anzichè 2.000).

Ne consegue che se un’impresa acquista un bene strumentale agevolabile con il super ammortamento 140%, pari a 10.000 euro, diventa ammortizzabile per un valore di 14.000 euro, ottenendo così un consistente vantaggio fiscale.

Iper ammortamento 250 per cento (1/1/2017-30/6/2018)

Per i soli investimenti rientranti nella strategia di attuazione del Piano nazionale Industria 4.0, la Legge di Stabilità  2017 ha introdotto addirittura la possibilità  di applicare un iper ammortamento al 250 per cento, in luogo dell’ammortamento ordinario o del super ammortamento al 140 per cento.

Ne consegue che se un’impresa acquista un bene strumentale agevolabile con l’iper ammortamento 250%, pari a 10.000 euro, diventa ammortizzabile per un valore di 25.000 euro, ottenendo così un ulteriore vantaggio fiscale.

Il nuovo provvedimento spetta essenzialmente alle imprese che investono in:

  • Meccatronica,
  • Robotica;
  • Big data;
  • Sicurezza informatica;
  • Nanotecnologie;
  • Sviluppo di materiali intelligenti;
  • Stampa 3D;
  • Internet;
  • Investimenti in tecnologie digitali applicati all’agrifood;
  • Impianti altamente tecnologici per migliorare i consumi energetici.

Esso, inoltre, ha ricompreso la casistica degli acquisti in leasing ed ha incluso tra i beni agevolabili anche i software (questi ultimi sottoponibili al super ammortamento al 140 per cento purchè collegati alla “trasformazione tecnologica” in chiave Industria 4.0 (ad esempio: software collegati a beni strumentali con funzionamento controllato da sistemi computerizzati e/o gestito tramite opportuni sensori e azionamenti; software appartenenti a sistemi aziendali per l’assicurazione della qualità  e della sostenibilità ambientale; software di gestione e controllo di dispositivi per l’interazione uomo macchina o per il miglioramento dell’ergonomia e della sicurezza del posto di lavoro, etc.).

I beneficiari, al fine di fruire del nuovo incentivo, debbono acquistare il nuovo bene strumentale entro il 30 giugno 2018, a patto che l’ordine, unitamente al pagamento di un acconto superiore al 20%, venga effettuato entro il mese di dicembre 2017.

Condividi

Related Posts

No Comments

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Il nostro sito utilizza cookie per facilitare la consultazione da parte dei visitatori. Se prosegui nella consultazione del nostro sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close